SANSEPOLCRO, UN’ESTATE ALL’INSEGNA DELLE GRANDE INIZIATIVE MUSEALI

Museo Sansepolcro

Non solo Pacioli e McCurry. Alla scoperta delle esposizioni nella strada dei musei

Quella in corso in questi mesi a Sansepolcro è forse la stagione espositiva più ricca degli ultimi tempi. Un’offerta variegata e caratterizzata da appuntamenti imperdibili per il visitatore che oggi può trovare negli storici palazzi di via Aggiunti, ribattezzata la “strada dei musei”, la culla della storia della Città di Piero.

In questo suggestivo polo culturale, l’attrazione di punta resta certamente il Museo Civico di Sansepolcro. Sede della Resurrezione, della Madonna della Misericordia e di altri capolavori del genio biturgense Piero della Francesca. Il Civico sta attraversando un’importante fase di rilancio grazie anche al recente allestimento di due splendide mostre con opere di altissimo livello e in grado di dialogare perfettamente con gli spazi museali. La prima, concepita sulla scia delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte dell’altro illustre cittadino di Sansepolcro Fra’ Luca Pacioli, esplora e approfondisce gli studi del famoso matematico ed economista del Rinascimento in un complesso percorso che include opere di Leonardo Da Vinci e Albrecht Dürer, due delle personalità più forti e geniali legate alla scuola pacioliana. L’altra, più moderna e singolare, riguarda la bellissima collezione di scatti del fotografo Steve McCurry. Una proposta rivoluzionaria che consente al Museo Civico di aprirsi a un pubblico nuovo, quello dei giovani e degli appassionati della grande fotografia, grazie alla presenza delle “Icons” del mitico reporter americano. Entrambe le iniziative, disponibili fino all’autunno inoltrato, stanno confermando l’importante incremento di visite registrato negli scorsi mesi con una prima esposizione dedicata a Piero della Francesca e Caravaggio. A pochi passi dalla principale sede museale, il visitatore potrà inoltre approfondire le indagini sui grandi maestri di Sansepolcro grazie ai rinnovati spazi di Casa di Piero. All’interno della casa natale del pittore biturgense, sede della mostra “Gli spazi del pensiero”, opere artigianali e nuove tecnologie si fondono in modo stupefacente permettendoci di capire al meglio il grande contributo di Piero della Francesca e Luca Pacioli alla cultura rinascimentale.

Sansepolcro è dunque sinonimo di cultura, ma anche di tradizione e antichi mestieri. Aboca Museum è l’unico e originale Museo delle Erbe che recupera e tramanda la storia del millenario rapporto tra l’Uomo e le Piante. Attraverso il percorso Erbe e Salute nei Secoli, con suggestive e fedeli ricostruzioni di antichi laboratori, il museo introduce il visitatore alla riscoperta dell’antica tradizione erboristica mettendolo a contatto con le fonti del passato: preziosi erbari, libri di botanica farmaceutica, antichi mortai, ceramiche e vetrerie. Ultima, ma non per ordine di importanza, la grande offerta espositiva dedicata agli appassionati di arte contemporanea all’interno di CasermArcheologica. Rimasti in stato di abbandono per anni dopo aver ospitato per lungo tempo le forze dell’ordine locali, questi spazi sono oggi sede di esposizioni iniziative legate alla contemporaneità rappresentando un virtuoso esempio di rigenerazione urbana. Una proposta culturale che si discosta dai grandi classici, ma che conferma appieno la vocazione artistica e culturale della comunità di Sansepolcro.

Per info: tel. 0575 732278

25/07/2017